Skip to content, sitemap or skip to search.

Free Software Foundation

Personal tools
Join now
 
You are here: Home Italiano Mac OS X errori e caratteristiche nocive

Mac OS X errori e caratteristiche nocive

by edo1493 Contributions Published on Feb 17, 2010 01:38 PM
di Richard M. Stallman Presidente di FSF
traduzione a cura del gruppo traduzioni LibrePlanet Italia

Negli interventi ho detto che Apple potrebbe imporre con forza cambiamenti al software in Mac OS X, così come Microsoft può farlo con Windows. Ho sentito questo nella comunità Apple, ma non ci sono informazioni pubbliche che lo confermino, ed ora credo di essere stato male informato. Non c'è nessuna prova che Apple abbia apportato cambiamenti al software senza il permesso dell'utente.

Non possiamo in alcun modo verificare se in Mac OS siano presenti backdoor che potrebbero installare cambiamenti senza permessi, ma non ci sono basi per pensare che ce ne sia una. Mi scuso per aver fatto delle critiche a MAC OS che non posso confermare e che devo presumere che siano false.

Anche se Apple non ha imposto cambiamenti con la forza, a quanto pare, ha precedenti nel far installare cambiamenti nocivi agli utenti per la paura di perdere la funzionalità dei dispositivi, e nell'ingannare gli utenti riguardo alle cose che questi cambiamenti fanno.

Nel 2005, Apple ha fatto installare agli utenti la versione 4.7 di iTunes per poter continuare ad utilizzare la musica di iTunes store. Questo "aggiornamento" è stato registrato da Apple come riparazione di una "falla di sicurezza". Ciò che l'aggiornamento ha fatto, è stato cambiare il sistema di Digital Restrictions Management (DRM)di iTunes per bloccare l'esecuzione di PyMusique. PyMusique era un software libero che permetteva agli utenti GNU/Linux di accedere all'iTunes store. (Guarda http://news.xinhuanet.com/english/2005-03/22/content_2728356.htm e http://www.theregister.co.uk/2005/03/22/apple_blocks_pymusique/.)

Apple, allo stesso modo, ha imposto altri cambiamenti incompatibili con iTunes nel 2005, e nel 2006: gli utenti non potevano ascoltare la musica acquistata usando la versione più nuova di iTunes, con la versione di iTunes più vecchia. Così gli utenti hanno dovuto aggiornare iTunes su tutti i loro computer in cui volevano eseguire la loro musica, non solo sul computer che avevano utilizzato per acquistare la musica infettata da DRM. (Guarda http://en.wikipedia.org/wiki/FairPlay.)

Nel 2008, Apple ha inserito furtivamente un nuovo DRM nocivo in Quicktime con un aggiornamento, segnalandolo come se fosse una funzione aggiuntiva per affittare i film. Questa caratteristica fermò gli utenti dal vedere file video realizzati da loro stessi. (Guarda http://www.theregister.co.uk/2008/01/26/quicktime_drm_cripples_adobe_programs/.)

Se Mac OS X non ha una backdoor per installare con forza cambiamenti, questo comunque non la rende etica. Ha altre caratteristiche malevoli, come il Digital Restrictions Managment (guarda http://defectivebydesign.org/apple). Ciò che rende queste caratteristiche nocive possibili è che gli utenti non possono rimuoverle. Mac OS è software proprietario, così gli utenti non hanno controllo su questo -- piuttosto, lo sviluppatore ha il controllo esclusivo sul programma, e lo usa come uno strumento di controllo sugli utenti. Perciò non ritiro la mia condanna di Mac OS. Ma ritiro l'affermazione secondo cui è noto che abbia una backdoor.

Document Actions

The FSF is a charity with a worldwide mission to advance software freedom — learn about our history and work.

fsf.org is powered by:

 

Send your feedback on our translations and new translations of pages to campaigns@fsf.org.