Skip to content, sitemap or skip to search.

Free Software Foundation

Strumenti personali
Join now
 
Tu sei qui: Home Campaigns Secure Boot vs Restricted Boot Difendere la libertà di installare software libero

Difendere la libertà di installare software libero

La seguente è una dichiarazione pubblica, aperta alla firma. Per ulteriori informazioni, leggi la nostra spiegazione dettagliata su questo argomento su http://fsf.org/campaigns/secure-boot-vs-restricted-boot.

Microsoft ha annunciato che se i produttori di computer vorranno distribuire le loro macchine con il logo di compatibilità di Windows 8, dovranno implementare una misura chiamata "Secure Boot". Tuttavia al momento non è chiaro se questa tecnologia sarà all'altezza del suo nome o invece potrà guadagnarsi il nome di "Restricted Boot".

Se fatto correttamente, il "Secure Boot" è progettato per proteggere contro malaware e per prevenire nei computer il caricamento di binari non autorizzati all'avvio. In pratica significa che i computer che lo implementeranno non permetteranno l'avvio di sistemi operativi non autorizzati -- inclusi sistemi inizialmente autorizzati che sono stati modificati senza essere nuovamente approvati.

Questa potrebbe essere una caratteristica degna del suo nome, fino a quando l'utente sarà in grado di autorizzare i programmi che vuole utilizzare, così da poter eseguire software libero scritto e modificato autonomamente o da gente di cui si fida. Siamo tuttavia preoccupati che Microsoft e i produttori di hardware implementeranno queste restrizioni all'avvio in un modo che impedirà agli utenti di avviare qualcosa di diverso da Windows. In questo caso, pensiamo che sia meglio chiamare questa tecnologia Restricted Boot, dal momento che questo requisito sarebbe una disastrosa restrizione per gli utenti dei computer e non una caratteristica di sicurezza.

Per favore aggiungi il tuo nome al seguente annuncio, per mostrare ai produttori di computer, ai governi e a Microsoft che ti preoccupi di questa libertà e farai in modo di proteggerla.

Noi sottoscritti, sollecitiamo tutti i produttori di computer che implementano l'UEFI noto come "Secure Boot" di farlo in modo da permettere l'installazione di sistemi operativi liberi. Per rispettare la libertà degli utenti e proteggere veramente la loro sicurezza, i produttori devono permettere ai possessori dei loro computer di disabilitare le restrizioni all'avvio, o di fornire uno modo sicuro per loro di installare ed eseguire un sistema operativo libero di loro scelta. Ci impegniamo a non acquistare o a non raccomandare computer che limitano agli utenti questa libertà critica, e spingeremo attivamente le persone nelle nostre community ad evitare queste sistemi che imprigionano.

After you submit this form, you'll receive an email from us that asks you to confirm your signature before we add it to the statement. Please note that signing does not put you on the general FSF mailing list; we will only follow up with you only on this particular issue.

This is a public statement and your name will be made public after you click the link in the verification email. We will not publish or share your email address with any party outside the FSF. See our privacy policy for more information.

You can see a list of all verified signers.

Support this campaign and the rest of the FSF's work by joining as a member or making a donation today.

Organization and corporate signatures

Below is a list of projects, organizations, and corporations that have signed onto the above statement. If you are interested in adding your organization or corporation as a signer to this statement, and you have the appropriate authority and permission to do so, please follow our corporate and organizational signer instructions — and we thank you for your patience, as adding signatures may take several days to complete. The complete list of individual verified signers is on a separate page.

Azioni sul documento

The FSF is a charity with a worldwide mission to advance software freedom — learn about our history and work.

fsf.org is powered by:

 

Send your feedback on our translations and new translations of pages to campaigns@fsf.org.